Ghiandole endocrine

Queste ghiandole producono molecole, definite genericamente ormoni, che sono dirette contro organi specifici, detti bersaglio, al fine di regolarne l’attività. Gli ormoni possono essere di origine aminoacidica o steroidea.

Vi sono ghiandole endocrine pure, cioè formate esclusivamente da tessuto ghiandolare endocrino, e ghiandole di tipo anficrino, cioè composte da tessuto ghiandolare sia endocrino che esocrino (tipico esempio è il pancreas, il cui parenchima, nella maggior parte a secrezione esocrina, presenta degli agglomerati di cellule ad attività endocrina, gli isolotti pancreatici o di Langherans).

Le ghiandole endocrine si classificano in:
  • ghiandole endocrine a cordoni epiteliali solidi: le cellule secernenti formano dei cordoni cellulari diversamente disposti nello spazio. Ne fanno parte la maggior parte delle ghiandole endocrine: ipofisi, paratiroidi, surreni, epifisi, placenta, corpo luteo;
  • ghiandole endocrine a follicoli chiusi: la parte secernente è formata da follicoli che contengono al loro interno il precursore degli ormoni tiroidei (tireoglobulina), unico esempio è la tiroide;
  • ghiandola endocrina a isolotti: gli isolotti di Langherans del Pancreas;
  • ghiandola endocrina interstiziale: si trova negli spazi interstiziali tra i tubuli seminiferi del testicolo, a gruppi di sei-otto o più cellule poste a circondare un capillare, in cui immettono il secreto (testosterone) e nell’ovaio.



Ghiand endo 1


Ghiand endo 2


Ghiand endo 3


Ghiand endo 4


Ghiand endo 5


Ghiand endo 6


Ghiand endo 7


Ghiand endo 8


Ghiand endo 9


Ghiand endo 10


Ghiand endo 11


Ghiand endo 12


Ghiand endo 13


Ghiand endo 14


Ghiand endo 15


Ghiand endo 16


Ghiand endo 17


Ghiand endo 18


Ghiand endo 20


Ghiand endo 21


Ghiand endo 22

Torna a inizio pagina