Tessuto epiteliale

Il tessuto epiteliale è formato da cellule strettamente unite tra loro da giunzioni specializzate, in modo da assolvere alla principale funzione di questo tessuto: creare una barriera con l’ambiente esterno. Oltre ad assolvere il compito di protezione, gli epiteli svolgono funzione di assorbimento, secrezione, trasporto, scambio di gas, scivolamento (di due superfici) e sensoriale. Questo comporta un cambiamento della morfologia del tessuto a seconda della diversa funzione.
Alla base di tutti gli epiteli è presente una lamina basale che separa l’epitelio dal tessuto connettivo sottostante. Al di sotto della lamina basale è presente una lamina reticolare di natura connettivale composta da collagene di tipo III. Le due lamine sono ben evidenziabili come un unica membrana basale mediante colorazione con acido periodico-reagente di Schiff (colorazione PAS).


Epiteli di rivestimento

Un epitelio si può presentare come un unico strato di cellule unite le une alle altre e che poggiano su di una lamina basale sottostante: in questo caso si parla di
tessuto epiteliale monostratificato o semplice. Oppure l’epitelio si può presentare composto da due o più strati di cellule, il più profondo dei quali poggia sulla lamina basale: in questo caso si parla di tessuto epiteliale pluristratificato o composto.
Le cellule che compongono il tessuto epiteliale hanno la caratteristica di essere polarizzate, cioè la superficie delle diverse facce della cellula svolge funzioni differenti. In particolare, le cellule epiteliali presentano un dominio apicale ed uno basolaterale.
Il dominio apicale è il dominio che determina le caratteristiche dell’epitelio e può presentare specializzazioni atte a creare un flusso sulla superficie dell’epitelio stesso (ciglia) oppure ad aumentare la superficie del dominio apicale (microvilli e stereociglia).
Gli epiteli di rivestimento si classificano sulla base di:
numero di strati cellulari
forma delle cellule
presenza di specializzazione sul dominio apicale.
Negli epiteli pluristratificati la classificazione viene effettuata valutando la forma delle cellule degli strati più superficiali.

Sono
epiteli monostratificati i seguenti epiteli:

Sono
epiteli pluristratificati i seguenti epiteli:


Epitelio ghiandolare

Il tessuto epiteliale con funzione secernente forma il
tessuto epiteliale ghiandolare.


Epiteli particolarmente differenziati

Sono epiteli che si sono particolarmente differenziati per rispondere a funzioni specifiche e particolari.



Torna a inizio pagina